In Padile si chiude il capitolo edilizia popolare
di Erregi

Sono stati consegnati gli ultimi 37 alloggi economico-popolari nella località gardonese: finisce così una stagione cominciata negli anni Settanta, che ha visto la costruzione di centinaia di case

 

Si è concluso un paio di mesi fa l’ultimo piano partito nel ’99, che ha visto la nascita di circa 80 nuove abitazioni, tutte vendute a prezzi abbordabili, compreso l’ultimo lotto di 37 alloggi. L’edilizia popolare è servita ad andare incontro alle esigenze di sempre più gardonesi  e, in particolare, di quelli con necessità particolari.

Il Comune, infatti, ha potuto rendere disponibile un alloggio in cessione gratuita da assegnare ai portatori di handicap: uno spazio di 80 metri quadrati inserito nel circuito dell’housing sociale. Sempre pensando al sociale, con la realizzazione delle case, l’amministrazione ha pensato anche alla costruzione di un’area verde già attrezzata ed utilizzabile.
 
Grazie alla sinergia tra due cooperative, la Redaelli e la Magno, con un’impresa privata, la località gardonese di Padile ha ora raggiunto il punto di saturazione: i 37 alloggi terminati di recente, saranno gli ultimi del progetto di edilizia economica, che ha significato una vera a propria rivoluzione abitativa nella zona, conseguente alle numerose famiglie che l’hanno scelta come casa.
 
Restano ora solo altri due lotti edificabili in tutto il territorio di Padile, entrambi di privati, che rientrano nell’esame del Piano di governo del territorio che, presumibilmente, verrà approvato dal Consiglio comunale entro la fine del prossimo mese.

 

padile.jpg