Le città migranti di «Babel Hotel»
di Andrea Alesci

Gioved 3 novembre alle ore 20.30 verr presentato alla biblioteca di Sarezzo il volume curato da Ramona Parenzan, scritto con una prefazione di Gian Antonio Stella, giornalista del Corriere della Sera

Continua l’attività della biblioteca comunale del Bailo sul fronte della letteratura odierna, nel tentativo di animare le serate del paese saretino. Domani, giovedì 3 novembre, presso l’auditorium della biblioteca verrà presentato il libro “Babel Hotel. Vite migranti nel condominio più controverso d’Italia” a cura di Ramona Parenzan.
 
Scritto con una prefazione di Gian Antonio Stella (giornalista del Corriere della Sera), una postfazione di Jasmina Tešanovic (giornalista e traduttrice serba) e un’introduzione di Simone Brioni (insegnante di Letteratura della migrazione e post-coloniale italiana presso l’Università di Warwick in Grn Bretagna), il volume verrà presentato domani sera (giovedì 3 novembre) dall’assessore alla Cultura del Comune di Sarezzo Valentina Pedrali e del presidente della biblioteca Alessandro Anelotti.
 
“In questo libro – spiega proprio l’assessore Pedrali – ci si chiede che cosa accade ogni giorno all’iterno di un gigantesco condominio composto da 480 appartamenti e abitato, in estate, da circa 3mila persone con lingue, culture e provenienze diverse. Scrittori, poeti e musicisti, mediatori e operatori interculturali di diversa provenienza geografica ci raccontano in Babel Hotel questa realtà babelica, traducendo in racconto i dati reali delle interviste e le esperienze vissute in prima persona all’interno di questo microcosmo di Porto Recanati nelle Marche. Babel Hotel – continua Valentina Pedrali – si offre così come un progetto di scrittura in cammino, una ‘presa di parola’ collettiva sul tema delle città plurali, della loro possibile/impossibile interculturalità ma anche delle diverse forme di marginalizzazione sociale causate dal sentimento di paura legato alla venuta dei nuovi intrusi, i migranti. Babel Hotel è una potente metafora ma anche una tensione verso il futuro: qualcosa ‘a venire’ che potrebbe con il tempo superare il margine narrativo per trasformarsi in un progetto creativo, sociale e politico più ampio”.
 
Un libro che cerca di fare luce sulla situazione dell'Hotel House di Porto Recanati, anche in seguito alla spinta data dalla "Indagine conoscitiva sulla situazione dell'Hotel house di Porto Recanati" condotta nel febbraio 2011 da un gruppo di ricerca dell'Università di Macerata e che ha contrastato certe voci che dipingevano il caseggiato (certo mal concepito e strutturato secondo una logica da alveare degli anni Sessanta e con appartamenti inv endita a partire da 30mila euro) come ghetto criminoso. Dei nuclei di criminalità sono presenti, favoriti dalle condizioni "di vivivibilità mediocre o pessima" - come definita dalla maggior parte dei suooi abitanti -, ma ben il 55% di chi ci vive è in possesso di un diploma o di una laurea e con il 74% che ha un lavoro regolare.
 
Edito da “Infinito editore”, Babel Hotel (192 pagine, 17 euro) verrà presentato giovedì 3 novembre alle ore 20.30 alla biblioteca comunale del Bailo di Sarezzo (via Bailo 47). Per informazioni chiamare il numero di telefono 030.800591 o mandare un’e-mail a biblioteca@comune.sarezzo.bs.it.
Babel_Hotel.jpg